Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner.

 

Domenica, 06 Marzo 2016 15:00

Tentano di espellere un nigeriano, lui si spoglia nudo e da in escandescenza. Espulsione rimandata.

Tentano di espellere un nigeriano, lui si spoglia nudo e da in escandescenza. Espulsione rimandata.
Stampa
Condividi questo articolo Facebook Twitter Google Plus
L'autore Redazione Bolzano


BOLZANO - L'episodio inquietante è successo a Casa Sara, la struttura di Bolzano, adattata all'accoglienza dei profughi e richiedenti asilo gestita dalla Caritas a Bolzano. 

Il prefetto di Bolzano ha firmato il decreto di convalida per espulsione del nigeriano, ma a quanto sembra è rimasto solo sulla carta. L'espulsione è stata decisa per via dei comportamenti dell'immigrato che fin dal momento dell'arrivo a Casa Sara ha creato grossi problemi al personale. Più di una volta l'uomo, poco incline a seguire le regole della struttura, ha dato in escandescenza minacciando il personale e i suoi connazionali, e in alcuni casi sono dovuti intervenire anche le forze dell'ordine per calmarlo.

Questi comportamenti probabilmente hanno portato le istituzioni ad accelerare i controlli sulla pratica di richiesta di asilo del nigeriano e questo ha fatto emergere che l'uomo non può essere accolto come profugo, da qui la decisione per l'espulsione immediata. 

Ma quando giovedì sono arrivati i poliziotti per prelevarlo e procedere all'espulsione l'immigrato dopo aver dato segni di nervosismo ha cominciato ad inveire e minacciare i poliziotti che non sono riusciti a immobilizzarlo. L'uomo poi si è spogliato completamente, e nudo, ha cominciato a girare per tutta la struttura sbeffeggiando operatori e forze di polizia. Gli operatori di polizia per paura di causare danni all'immigrato e così essere denunciati hanno preferito soprassedere ed attentere ordine dal prefetto. 

La situazione è tutt'ora bloccata in attesa delle decisioni del Prefetto. A casa Sara di Bolzano vengono ospitati da un anno 23 richiedenti asilo. 

 

 

 


Leggi altri articoli della rubrica "La Voce di Bolzano"
Ben-Essere con LéGein a cura di Redazione Trento Social...Mente a cura di Redazione Trento